leggere

20140727-125536-46536022.jpg

Leggere per me è come affacciarsi da una finestra aperta su una quartiere poliedrico, popoloso e forse anche popolare.
Si sviluppa in me il gusto dell’immaginare cosa si cela dietro ogni volto, ogni storia, ogni passo trascinato nel mondo.
Potrei starci ore, a quella finestra, senza stancarmi, senza annoiarmi, immedesimandomi in ogni singolo battito che percepisco nell’aria.
Leggere è un esercizio di vita, di logica.
Leggere per me è come trovare la strada, o lo strumento giusto per affrontare le cose.
Leggo da che ho memoria ed ogni storia lascia in me un segno, un nuovo mondo.
Che costruisce il mio, di mondo.
Ed io sono io e tutte quelle persone insieme. Sono le loro storie, sono le loro vite.
È come guardare la luce che passa attraverso un prisma e si scompone in un meraviglioso arcobaleno.
I libri sono la mia ancora nel mondo, la mano sempre tesa a sconfiggere le mie malinconie…
Nei libri mi perdo e mi ritrovo… Le parole mi calmano, mi placano, mi fanno sentire le vibrazioni della mia anima complicata….
È come se qualcuno prendesse del cemento e chiudesse le falle della mia anima per riconsegnarmi,
almeno per quegli istanti, una me stessa perfetta.
I libri mi rendono felice e non mi fanno sentire sola.

Annunci

39 pensieri su “leggere

  1. Mi rivedo in queste tue parole…come infondo si rivedono tanti strimpellatori di parole come noi…condivido tutto e aggiungerei (per me) che sono/siamo dei ladri di emozioni, perchè sia leggendo…sia vedendo …e anche sentendo, immagazziniamo avidamente (come ladri nel senso buono) tutto e poi d’improvviso lo riscriviamo in versi…cmq è vero…il nostro scrivere ci aiuta a sopportare le nostre giornate malinconiche…complimenti per il blog! 😉

    Mi piace

      • Aggiungo..sei sprecata in questo mondo dove per lo più sono cazzari/e…e volgari…e nulla hanno a che vedere con la penna…chissà sei hai scritto dei libri …!Devo approfondire leggendoti..perdona ma non sono iscritta sul social, decisamente li abborro, ma la tua pagina ora è tra i Preferiti…tu fai bene la cuore. Trasmetti emozioni.
        Un’ammiratrice..grazie di questi bei post.

        Mi piace

      • Credo tu non abbia nemmeno idea di quanto le tue parole possano essere preziose. L’estraneità ai social rende questo tuo commento un regalo di questa estate di “ripresa”.
        Ci sto provando. A scrivere il mio libro.
        “Faccio bene al cuore e trasmetto emozioni”.
        Tu.
        Tu lo fai.
        Dio se l’hai fatto.
        Grazie. Ancora un inchino. Profondo. Come dopo un meraviglioso spettacolo per pochi intimi in una profumata sera d’estate. Nazaria.
        Grazie infinite.

        Mi piace

  2. ed io t’auguro col cuore di riuscirci..continua e non smettere mai…ti ho letta in molti blogs, nun ultimo quello di avvocatolo, ed altri, ora mi sfugge il nome…beh, sono un mondezzaio di gente che usa temini scurrili col solo istinto di ,….non so neanche cosa…il cazzeggio innumerevole ed infinito e basta…definirlo fraseggio è tanto..ore ore ed ore infinite d’inutilità..inorridivo..ma tu anche là da avvocatolo campeggi da gran signora..con la tua cultura ed oltre….li metti letteralmente a tappeto, ma anche altrove…sei una anima bella…
    e così poi sono approdata qua per fortuna…..ma mi rendo conto che non è bello parlare alle spalle di altri blogghers che non conosco…dicevo…., sono approdata qua ed ho letto di te, una giovane donna, che ha una vita davanti, bella come il sole, che ha sofferto e che soffre e “sente la vita in profondità”, fino alle viscere ed alle pieghe infinite dell’anima…continua così, ma un consiglio…non farti troppo del male e non permettere mai a nessuno di turbarti..MAI..detto da una 49enne ora mamma e coniugata, con un marito che la comprende poco,spesso blasfemo, io, ua donna forse troppo buona, che ha preso tanti di quegli sgarri ma si è sempre rialzata con grande dignità e coraggio….ma mi sono fatta tanto di quel male, sapessi, scordando spesso chi fossi e cosa volessi…le persone sensibili soffrono e prendono le batoste…vero..ma la nostra dignità ci fa andare avanti con orgoglio….ecco perchè mi sono permessa di porgerti due umili parole, perdonami, ma quando ho iniziato a leggerti mi sono detta: questa ragazza più in là soffrirà ..perchè le persone sensibili vedono oltre ed oltre….le persone belle dentro spesso sono mirino di ignoranti…..ed invidiosi..Per cui: – sta in campana piccola…questo mondo è feroce, ma tu sai come lasciare un riflesso di splendidi soli….- eh..come quel libro di khaled che m’ha fatto tanto commuovere….;))) un abbraccio….auguri.

    Liked by 1 persona

    • Ho letto questo bellissimo commento prima di uscire. Ero sulla porta di casa. Una cena con i colleghi. Ero già in ritardo, ma l’ho riletto due volte.
      Ma meritava tempo una risposta.
      Un tempo di qualità.
      Un tempo di riflessione.
      Ho parlato di te a cena, ai colleghi. Ho detto che sono queste le emozioni per cui scrivo, per cui mi sento. Per cui nonostante tutto mi dico “wow, ma…allora”.
      Ho apprezzato infinitamente la reale lettura che hai fatto di me. Hai citato commenti che ho fatto ad altri.
      Mille, mille, mille e mille volte ancora grazie. Non sai quanto apprezzi chi sa leggere nei dettagli, chi cerca i particolari. Chi non è superficiale. E non lo so me li merito davvero i complimenti che mi fai, se sono brava, se ho cultura. Ma ci metto il cuore, e l’anima, e i polmoni. E se leggo così, beh, posso scrivere anche un po’ per te. Mia “ammiratrice” sconosciuta.
      Io. Nazaria. Un’ammiratrice.
      La vita da, signore e signori. Da.
      Prendo i tuoi consigli perché leggo tra le righe che puoi darmene. Che hai capito. Che hai vissuto e che, a tratti, vivi dolore.
      Mi son scordata anche io.
      Tante volte.
      In tanto momenti. Tu non puoi sapere, ma voglio dirtelo.
      A giorni il mio blog farà un anno.
      Un anno pieno.
      Aprirlo è stato un colpo di reni. Mi sono rialzata da terra, mi sono raccolta, ed ho deciso di andare avanti.
      Ho pensato a come festeggiare questo giorno.
      Perché per me è importante, sai?
      Ma ci hai pensato tu. Hai reso speciale il mio percorso. Perché l’hai capito. E apprezzato.
      Bello quel libro. Lo conosco. Bello davvero.
      Te lo ricordi? “com’è vero che la bussola punta sempre al nord, ci sarà sempre il dito di un uomo pronto ad incolpare una donna”.
      Grazie.
      Mi ha regalato una emozione indescrivibile.

      Mi piace

  3. Ti ho letta tutta d’un fiato ed anche l’ultimo post…che meraviglia..e questa tua risposta, grazie!!!..ci credi? Ho le lacrime agli occhi. Sentimentale io? Non l o so , so che scuoti qualcosa dentro e sei inequiparabile con la tua emozionante scrittura.Dio ti ha dato il dono della conoscenza e dell’arte di creare conoscenza…Leggi molto e si percepisce già aprendo con un clck il tuo blog….sono certa che avrai successo con questo tuo libro in fieri, che sfonderà, eccome..se sfonderà, in barba a tutte le mezzecartucce che scrivono e non coinvologono…quanti libri ho accantonato e mai ultimato, sai? Come te, amo divorare libri, insieme a mia figlia…amiamo i libri, il loro profumo la dimensione evocativa che generano…le emozioni…le emozioni che trasmettono…esse il sale della vita….un grande plauso a te…ai tuoi genitori che non conosco ma sono certa che siano anime profonde e speciali, come la creatura che così mervigliosamente hanno generato…io continuerò a leggerti…scusa se non mi iscrivo, ma sui social no ho tempo e perdona se non ti risponderò sempre..ma tempo ne ho poco.. la tua pagina è e resterà nel mio pc..sempre…grazie di ogni cosa bella e parola gentile che hai usato nei mei riguardi….grazie.
    Cin stima, Maria Giovanna.

    Mi piace

    • Cara Mariagiovanna (grazie per esserti firmata),
      come sempre ho atteso di avere un attimo di tempo per risponderti. Un attimo con una sua valenza.
      In questo momento sono sul mio terrazzo, la notte è scesa a farmi compagnia già da un pezzo, il mio cagnolino dorme in braccio a me, la musica suona in sottofondo, ed io ti parlo.
      Ti ho letta ed ho immaginato un meraviglioso quadro familiare, una madre ed una figlia che si scambiano libri, confidenze, confessioni.
      Bellissimo da stare a guardare.
      Non scusarti della mancata iscrizione al mio blog. Non scrivo per cercare follower. Scrivo per esigenza. Per comunicare una emozione o, alle volte, per dare nome a qualcosa. Perché le cose, quando le chiami per nomi, assumono dimensioni reali e come tali, in qualche modo gestibili.
      I tuoi commenti e l’averti come lettrice, a quasi un anno dall’apertura del blog, sono la risposta ad un periodo non semplice, che pure sto affrontando.
      posso vantarmi di averti accanto a me. Una “perfetta sconosciuta” (so che puoi comprendere) che ha preso del tempo delle sua vita per dedicarlo alla lettura delle mie a volte disconnesse parole.
      Un grande plauso a te.
      Sincero.
      E emozionato.
      Buona serata, a te e, permettimi, a tua figlia.
      nazaria

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...